AAA interprete cercasi

Essere tornata sulla strada è davvero la cosa più bellerrima di questo periodo.

Il solo poter pensare, chennesò, che domani mattina vado a correre, e magari doppio in pausa pranzo con un altro allenamentino (“ino”, perchè proprio è una corsetta lentissima … con le mie colleghe “ci” stiamo allenando per una 10km a fine mese a Milano!), cioè, davvero … è qualcosa di così bello e gasante che nemmeno riesco a descriverlo. Ma…

Ci sono comunque 2 “MA” a rovinare (in parte) la mia gasaggine. Ovvero:

1. La caviglia mi continua a far maluccio. Quando parto, se prima non mi sparo millemila saltelli di corda alla Clemente Russo in riscaldamento, poi provo dolore. E anche se li faccio, i primi 10′ sono sempre insidiosissimi. Anche quando termino di correre, mi rimane un fastidioso senso di “sega” che mi taglia i legamenti. (Sì, son belle sensazioni … vabbè). Ma in fondo non mi lamento, ringrazio di essere tornata a correre, e spero che i signorini lì sotto prima o poi si mettano in riga senza far tante storie.

2. Che fatica della madonna. Proprio che la vedo. Vedo nostra  signora, dopo 20′, in pratica quando inizio a non sentire più tanto male, ovvio :) Fiato cortissimo, gamba che spinge ma senza senso. Sopracciglia sempre più ravvicinate alla Peo Pericoli. In questi momenti, inizio a pensare a qualche stratagemma. A come potrei convincere, la macchina del mio corpo a ricordarsi di come era fatta.

Anche stamattina, correvo in quel di Milano. Mi stavo come al solito divertendo le orecchie, correre nei luoghi simbolo della città, vedi Parco Sempione, il 1° Maggio, a un buon orario (le 9.00) ti fa sempre sentire parte di un “gruppo” (no, non di malati mentali), boh di gente che vuole stare bene e si gode la vita. Il sole, le pozzanghere per terra, la sveglia presto il giorno di festa. Vabbè, a parte questo, quando sono arrivata alla soglia fatidica (22′), e niente rispondeva più come volevo o mi aspettavo, ho pensato che avrei voluto un traduttore.

Proprio un interprete, uno che sapesse il linguaggio del corpo e dicesse con i vari pezzetti: “Allora, tu adesso fai così e non rompere le palle, non le far male; tu dacci dentro ma non pompare forte o le fai venire un infarto .. ehi voi, invece, con quella capienza polmonare coraggio, allargatevi, allargatevi”

Ecco sarebbe proprio il massimo potersi rieducare così. Perchè son parti ben educate, che già sapevano ma hanno dimenticato. E ricominciare da zero, è una dannatisima fatica. Okay, okay, lo so che fa parte del gioco, che poi in realtà le cose più belle e più agognate poi quando arrivano appagano il doppio, ma a me poi piacciono poi anche le mezze vie, eh?

Non è che perchè una ama far le maratone = sono una masochista.

Ogni tanto l’aiutino da casa ci sta!

Bene. E ora pensiamo che domani mattina “on the road. Again, again and … again”

 

 

Annunci

4 thoughts on “AAA interprete cercasi

  1. Ma 1. Normale!!! L’importante è che l’intensità del fastidio rimanga più o meno uguale e pian piano diminuisca con le settimane… = monitora sempre bene la situazione!
    Ma 2. Normale!!! Il tempo che serve per andare in forma è (purtroppo) inversamente proporzionale a quello per andare fuori forma… = correre, correre, correre, vedrai che già dopo 2 o 3 settimane di allenamenti “continui” le cose miglioreranno, e di tanto!

  2. Ciao. So che è difficile, ma se passi in quel di Treviglio, facciamo una corsetta insieme. Ho ricominciato anch’io da poco, anch’io avendo in mente qualche chilometrica. Sto riascoltando in podcast le puntate di Essere e benessere di Radio 24 dedicate alla corsa. E sto guardando i blog di Pizzolato e di Tite Togni, che integra yoga e corsa. Last but not least, sto leggendo il libro di Murakami… Insomma, in pieno run-trip :-) Magari un giorno ci si vede in pista. In bocca al lupo.

    • Beh, non poi così difficile … anche se capiterà più spesso che passi da Milano ;)
      Io pure sto leggendo Murakami, e mi fa effetto che abbia scritto cose che io già penso. L’essere runner ti fa provare sempre affinità incredibili con l’altro. Che dire? Welcome into our world, e non ti fissare troppo con i miti di Pizzolato & co (che rispetto all’ennesima, potenza, eh!), come dire … take it easy! :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...